Categoria: Politiche comunitarie, nazionali e regionali

Il rafforzamento delle istituzioni europee e l’identità comune europea

di: Riccardo Cappellin
EyesReg, Vol.8, N.6, Novembre 2018

Il concetto di identità, che è assente nell’economia “mainstream”, è stato illustrato da Akerlof (Akerlof e Kranton 2010) e dalle moderne teorie cognitive ed evolutive (Hayek 1952, Loasby 2003). Inoltre, in realtà, questo concetto fu anticipato con successo da Adam Smith nel suo saggio su “The Theory of Moral Sentiments” (1759). leggi tutto

Performance e governance nel ciclo dei rifiuti solidi urbani in Puglia

di: Elisa Calò, Nunzio Mastrorocco
EyesReg, Vol.8, N.6, Novembre 2018

Il miglioramento della gestione dei rifiuti solidi urbani rimane un tema rilevante a livello nazionale, come attestato dall’attribuzione all’ARERA, con la Legge di Bilancio 2018, delle competenze su tale materia. A fronte del divario tra Nord e Mezzogiorno nei leggi tutto

Il capitale sociale nelle regioni italiane: un confronto temporale

di: Marco Carradore
EyesReg, Vol.8, N.6, Novembre 2018

La distribuzione di capitale sociale (CS) a livello regionale in Italia ha avuto un interesse scientifico – e non solo – sin dalle prime ricerche empiriche sul tema. Si pensi, ad esempio, allo studio di Putnam (1993) sulla tradizione civica nelle regioni italiane, che ha stimolato un ampio dibattito a livello nazionale. Introdotto in letteratura attorno agli anni venti del secolo scorso è
leggi tutto

Aree interne, nuova agricoltura e sviluppo urbano sostenibile: una possibile sinergia?

di: Enrico Ciciotti
EyesReg, Vol.8, N.5, Settembre 2018

La SNAI, Strategia nazionale, aree interne, è l’ultima in ordine di tempo delle politiche territoriali place based in cui la valorizzazione delle risorse/la risoluzione dei problemi locali punta sul ruolo leggi tutto

Grandi eventi: alcune problematiche nella stima dei costi

di: Jérôme Massiani
EyesReg, Vol.8, N.5, Settembre 2018

Si discute molto in questo periodo di una nuova candidatura italiana per le Olimpiadi del 2026 e dei suoi possibili benefici, un tema che è ovviamente di grande interesse per le scienze regionali. Al contrario, non si può dire che vi sia altrettanto interesse per l’altra parte del bilancio, una parte fondamentale, quella dei leggi tutto

Gli effetti dell’immigrazione sull’offerta di lavoro delle donne. Un’analisi empirica per l’Italia

di: Romano Piras, Fabiana Pettinau
EyesReg, Vol.8, N.5, Settembre 2018

Nei paesi sviluppati, gli immigrati di sesso femminile nella maggior parte dei casi forniscono servizi alle famiglie riguardanti la pulizia della casa e la cura dei bambini e degli anziani. In questo breve lavoro si intende leggi tutto

La bioeconomia in Italia: confronti territoriali e potenzialità di sviluppo

di: Massimo Castellano
EyesReg, Vol.8, N.5, Settembre 2018

Il concetto di bioeconomia ha acquisito nel corso degli ultimi anni un’importanza rilevante nel campo della ricerca, ma ha anche stimolato un vivace ed interessante dibattito politico che ne ha leggi tutto

Crescita economica e benessere: nuove evidenze in Lombardia

di: Alberto Brugnoli, Antonio Dal Bianco, Luciano Zanotti
EyesReg, Vol.8, N.4, Luglio 2018

Dopo quasi 10 anni dal collasso delle principali economie mondiali il prodotto interno lordo (PIL) pro-capite italiano non ha ancora recuperato i livelli del periodo pre-crisi. Secondo gli ultimi dati diffusi da Istat (2017) (i), il PIL pro-capite italiano in termini reali nel 2016 si è assestato attorno ai 26.000 euro, valore leggi tutto

Lo spopolamento nei comuni italiani: un fenomeno ancora rilevante

di: Cecilia Reynaud, Sara Miccoli
EyesReg, Vol.8, N.3, Maggio 2018

Dalla seconda metà del ‘900 ad oggi, in Italia, si sono verificate profonde trasformazioni nei processi demografici. In Italia, a causa del continuo calo delle nascite e della parallela diminuzione della mortalità, il saldo naturale (differenza tra nascite e morti) risulta negativo da leggi tutto

Trend occupazionale e perifericità territoriale

di: Luca Scolfaro
EyesReg, Vol.8, N.3, Maggio 2018

Con la programmazione 2014-2020, si è più volte sottolineato come in Italia, nelle aree interne, l’andamento occupazionale può essere interpretato come fenotipo di una perdita progressiva (o di una mancanza) dei servizi di base su un territorio, che ha determinato leggi tutto

« Pagina precedentePagina successiva »