Categoria: Capitale sociale e territoriale

Nuove prospettive per la manifattura urbana

di: Francesca Gambarotto, Riccardo Leoncini, Giulio Pedrini
EyesReg, Vol.8, N.4, Luglio 2018

La de-industrializzazione degli anni Ottanta e Novanta ha posto il problema di riconvertire le aree dismesse ad altri usi, con l’effetto di allontanare il manifatturiero dagli scenari di rigenerazione urbana. Questo ha condotto in taluni casi alla riduzione di quella diversificazione economica, sociale e funzionale che è un elemento alla base della leggi tutto

I servizi ecosistemici nella Rete Natura 2000 in un contesto fortemente urbanizzato

di: Maddalena Floris, Daniela Ruggeri
EyesReg, Vol.8, N.4, Luglio 2018

Le aree protette sono fonte di biodiversità e fanno parte delle aree più produttive di Servizi Ecosistemici (SE) (Ispra, 2011). Come emerge dal recente rapporto sullo stato dell’ambiente europeo, i territori più dotati di SE sono, in genere, più resilienti e leggi tutto

Crescita economica e benessere: nuove evidenze in Lombardia

di: Alberto Brugnoli, Antonio Dal Bianco, Luciano Zanotti
EyesReg, Vol.8, N.4, Luglio 2018

Dopo quasi 10 anni dal collasso delle principali economie mondiali il prodotto interno lordo (PIL) pro-capite italiano non ha ancora recuperato i livelli del periodo pre-crisi. Secondo gli ultimi dati diffusi da Istat (2017) (i), il PIL pro-capite italiano in termini reali nel 2016 si è assestato attorno ai 26.000 euro, valore leggi tutto

Lo spopolamento nei comuni italiani: un fenomeno ancora rilevante

di: Cecilia Reynaud, Sara Miccoli
EyesReg, Vol.8, N.3, Maggio 2018

Dalla seconda metà del ‘900 ad oggi, in Italia, si sono verificate profonde trasformazioni nei processi demografici. In Italia, a causa del continuo calo delle nascite e della parallela diminuzione della mortalità, il saldo naturale (differenza tra nascite e morti) risulta negativo da leggi tutto

Trend occupazionale e perifericità territoriale

di: Luca Scolfaro
EyesReg, Vol.8, N.3, Maggio 2018

Con la programmazione 2014-2020, si è più volte sottolineato come in Italia, nelle aree interne, l’andamento occupazionale può essere interpretato come fenotipo di una perdita progressiva (o di una mancanza) dei servizi di base su un territorio, che ha determinato leggi tutto

Agricoltura biologica e biodistretti. L’esperienza della Val Camonica

di: Alberto Sturla, Rita Iacono, Francesco Licciardo
EyesReg, Vol.8, N.3, Maggio 2018

L’applicazione del modello distrettuale all’ agricoltura biologica implica che questa debba essere in grado di attivare il potenziale endogeno dei territori e, al contempo, agire come elemento di leggi tutto

Pagina successiva »