Home » Squilibri socio-economici e territoriali » Diseguaglianze spaziali e territoriali, Infrastrutture e trasporti, Innovazione e ricerca, Pianificazione urbana e territoriale, Sviluppo e dinamiche urbane » Determinanti della scelta modale nei percorsi casa-Università: differenze territoriali ed implicazioni di policy

Determinanti della scelta modale nei percorsi casa-Università: differenze territoriali ed implicazioni di policy

di: Elena Maggi, Daniele Grechi, Daniele Crotti

EyesReg, Vol.8, N.6, novembre 2018

 

 

Una sede universitaria rappresenta un polo attrattore di persone con caratteristiche differenti rispetto a imprese di grandi dimensioni o complessi sanitari. L’utenza che la popola ha orari di spostamento quotidiani e/o settimanali diversi, peraltro con frequenze di viaggio non sempre costanti. Ne consegue una domanda di trasporto a livello locale e regionale molto segmentata, che richiede, al fine di poter definire specifiche politiche volte allo sviluppo della mobilità sostenibile, un buon livello di conoscenza delle preferenze degli utenti, in relazione sia ad aspetti individuali che localizzativi.

Alla luce di tale dinamica, lo scopo di questo articolo è quello di analizzare le scelte modali nel contesto del pendolarismo universitario, con una prospettiva policentrica, utilizzando i dati di un’indagine svolta presso l’Università degli Studi dell’Insubria (da qui in avanti, Uninsubria) nel mese di novembre 2017.

 

La sostenibilità del pendolarismo

Il concetto di sostenibilità, considerato nel modo più ampio possibile, racchiude tutte le capacità di un processo di sviluppo di sostenere nel tempo la riproduzione del capitale economico, della componente naturale e dei rapporti umano-sociali (Bruntland, 1987; Grechi et al., 2018).

Negli ultimi anni è cresciuta l’attenzione su tale tema da parte di enti locali, istituzioni e comparto privato, i quali sono alla ricerca di strumenti efficaci per incrementare la sostenibilità dei flussi di pendolarismo caratterizzato, rispetto ad altre forme di mobilità, dalla sistematicità degli spostamenti nello spazio e nel tempo. L’obiettivo finale è di ridurre l’inquinamento, la congestione, il consumo di energia e migliorare l’esperienza di viaggio per l’utente (Willamowski et al., 2014). Una delle possibili resistenze a un cambiamento di modalità è sicuramente rappresentata dagli aspetti comportamentali, in particolare dalla predominanza di alcune abitudini specifiche che sono rilevanti nelle scelte modali (Paez e Whalen, 2010).

Il modello di pendolarismo sta cambiando e spostarsi ogni giorno per andare a lavorare – o per altri motivi di mobilità sistematica – diventa più difficile. Il recente rapporto dell’Osservatorio AUDIMOB di ISFORT (2018) segnala un aumento della lunghezza media dei viaggi, ad oggi oltre i 25km. In letteratura esistono numerosi studi sul rapporto pendolarismo casa-lavoro o, come nel nostro caso, casa-Università. Come già accennato in precedenza, un’Università è un polo di attrazione, con orari di lavoro diversi rispetto a un classico complesso scolastico o ad un’azienda, ed i flussi da essa creati influenzano sensibilmente la domanda di viaggi locali e regionali (Zhou, 2012; Whalen et al., 2013), generando impatti differenziati sul territorio. Questa diversità influisce spesso sulla scelta delle modalità di trasporto, soprattutto in certi contesti geografico-culturali, e va quindi accuratamente studiata in modo distinto rispetto ad altre forme di pendolarismo. Elemento sicuramente rilevante è l’infrastruttura a disposizione che deve essere coerente con il volume di pendolari ed utenti coinvolti (Delmelle e Delmelle, 2012). Per esempio, considerando la mobilità attiva, la presenza reali di percorsi ciclopedonali, marciapiedi e piste ciclabili sicure, è uno stimolo per favorire queste pratiche rispetto all’uso di veicoli inquinanti (Panter et al., 2008).

Considerata la consistenza dei flussi universitari e in un’ottica di sostenibilità, risulta necessario innanzitutto promuovere l’utilizzo del trasporto pubblico (su gomma e su ferro), che dovrebbe quasi completamente sostituire il mezzo privato. Elementi come la densità degli utenti in relazione all’estensione ed alla capacità della rete sono imprescindibili per poter favorire il successo di questa modalità di trasporto. L’offerta di un servizio che sia realmente usufruibile ed efficace è direttamente proporzionale alle capacità delle aziende titolari del servizio, le quali necessitano di avere l’opportunità di poter investire ed usufruire di potenziamenti della viabilità, grazie alle sinergie con gli attori politici locali e regionali (Fraquelli et al., 2001).  In aggiunta, numerosi studi hanno evidenziato l’esistenza di fattori (come la disponibilità di posti, il comfort, la sicurezza e la pulizia) che determinano la percezione della qualità dei servizi pubblici (Redman et al., 2013; Shaaban e Kim, 2016), favorendo o meno l’utilizzo degli stessi da parte dell’utente.

 

Campione, metodologia e risultati principali

La base di partenza è, come affermato nell’introduzione, l’analisi della mobilità di Uninsubria, un ateneo pubblico, nato nel 1998 e con sedi distribuite in tre città: Varese, Como e Busto Arsizio. La localizzazione geografica multicentrica comporta interessanti implicazioni sulle scelte di mobilità, che vanno considerate nell’individuazione di politiche efficaci. L’indagine svolta a fine 2017, mediante Google Form, è stata rivolta alla totalità degli studenti, docenti e personale tecnico-amministrativo (PTA), per un totale di oltre 11.000 unità, con l’obiettivo di raccogliere dati sulle loro caratteristiche e abitudini di viaggio. In particolare, si focalizzava sui mezzi di trasporto utilizzati (soffermandosi sul mezzo principale, inteso come mezzo con il quale si percorre la maggior distanza) e sulle motivazioni di tale scelta, nonché sull’utilizzo attuale e la predisposizione futura all’uso di soluzioni di trasporto sostenibili e sistemi di mobilità condivisa.

I rispondenti sono stati 2795, vale a dire circa il 24% della popolazione universitaria oggetto d’esame. Percentuali di risposta molto elevate, comprese tra il 62 e il 68%, si sono ottenute dai docenti e dal PTA delle diverse sedi, dimostrando un particolare interesse per l’argomento. L’81% dei rispondenti sono studenti; infatti, l’età media del campione è compresa tra i 18 ed i 24 anni. I docenti rappresentano l’11,5% del campione, mentre il PTA il 7,5%. La frequenza media dei viaggi è compresa tra 3 e 5 volte alla settimana, a seconda della categoria e della sede. La maggioranza degli intervistati impiega più di 30 minuti di viaggio: il 37,3% tra 31 e 60 minuti, il 28,7% più di 60 minuti. Anche se il 60% usa un solo mezzo di trasporto (tendenzialmente l’automobile), il 16% due e il 20% più di due. L’automobile è il mezzo prevalente, spesso a prescindere dalla distanza percorsa, soprattutto a Varese, mentre a Como la percentuale di utilizzo del treno supera di poco quella dell’automobile. Nella Tabella 1, vengono evidenziate le differenti scelte modali nelle due sedi principali dell’Università (la sede di Busto Arsizio è stata esclusa dalle analisi, considerando l’esiguità dei suoi utenti).

 

Tabella 1. Ripartizione modale in termini di mezzo principale utilizzato

 

Al fine di indagare le determinanti di scelta della modalità di trasporto, riferendosi a quanto già fatto in altri lavori empirici sul tema (Whalen et al., 2013; Zhou, 2012), sono stati utilizzati modelli di scelta discreti che, sulla base di preferenze rivelate, stimano l’impatto di differenti fattori individuali, come il tempo di viaggio, la distanza ed i costi sostenuti, sulla funzione di utilità per le alternative modali (Marcucci, 2011). È stato scelto un approccio multinomiale (multinomial logit), che calcola la probabilità di una scelta da parte di un utente i di un certo modo di trasporto j (nel nostro caso, il mezzo privato motorizzato) rispetto a modalità alternative k (treno e autobus urbano ed extra-urbano) nel caso in cui l’utilità di utilizzare il modo j sia superiore a quella relativa a k. Tale utilità è assunta come una funzione di variabili esplicative riguardanti le caratteristiche sia dell’utente sia dei suoi viaggi sistematici. La scelta della modalità più inquinante (mezzo privato) è stata dunque messa a confronto con alternative più sostenibili (treno e autobus), sviluppando, in particolare, due modelli relativi alle singole sedi principali (Varese e Como), in modo da cogliere l’influenza della destinazione del viaggio sulla scelta relativa alle diverse caratteristiche. Le principali variabili esplicative considerate e i risultati dei modelli sono riassunti nella Tabella 2 (in appendice). Di seguito, vengono discussi gli elementi più significativi dell’analisi econometrica.

Considerando le caratteristiche socio-economiche degli utenti, in primo luogo si nota come la disponibilità di veicoli motorizzati privati (principalmente l’automobile) e l’incidenza mensile delle spese di trasporto sul reddito riducono l’utilità associata all’utilizzo di mezzi collettivi per raggiungere i poli universitari. Tale effetto è di maggior intensità a Varese rispetto a Como: ciò è spiegabile dal fatto che nel capoluogo lariano il parcheggio nei pressi dell’università sia a pagamento (laddove gratuito a Varese). Ne consegue che negli spostamenti verso Como, siccome il costo d’uso dell’automobile è più alto, aumenta la probabilità di utilizzare un mezzo alternativo.

Rispetto all’età degli utenti, la variabile risulta significativa e negativa solo nel modello relativo alla sede di Varese, ove l’utilizzo dell’automobile è maggiore: con l’età aumenta anche la probabilità di usare un mezzo proprio rispetto a quello collettivo (maggiore comfort, flessibilità di viaggio e minore sensibilità rispetto ai costi di trasporto). Riguardo al ruolo dell’utenza, tale variabile è significativa soltanto nella sede di Como: rispetto all’utilizzo dell’automobile, la probabilità che il PTA utilizzi il treno è più bassa, mentre quella che gli studenti scelgano l’autobus risulta maggiore.

I tempi medi di percorrenza e la frequenza degli spostamenti settimanali risultano avere un impatto positivo sull’utilità in entrambe le sedi universitarie: l’utenza pendolare, quindi, rivela maggiore probabilità di usare l’autobus o il treno all’aumentare della percorrenza e della frequenza di viaggio. Focalizzando l’attenzione su forme di trasporto alternative e più sostenibili, emerge chiaramente come il car-pooling sia una potenziale e promettente alternativa, non solo per gli utenti che attualmente usano mezzi privati.

 

Conclusioni

È chiaro che l’attenzione verso la mobilità sostenibile ha avuto in forte incremento negli ultimi due decenni, diventando un tema di rilevanza politica e sociale. La difesa dell’ambiente deve essere direttamente connessa alle attività umane ed economiche e può essere implementata solamente attraverso una forte sinergia tra i soggetti economici coinvolti, i quali devono essere consapevoli delle scelte e delle loro conseguenze. In questo modo si potrà programmare correttamente un piano che consentirà, ad un determinato territorio, di crescere economicamente rispettando la natura.

Considerando il caso analizzato, è possibile notare differenze territoriali non irrilevanti, che richiedono quindi interventi di policy differenziati su base locale. Nel complesso l’attuale propensione alla sostenibilità nelle scelte modali degli utenti, così come al cambio di abitudini di trasporto risulta ancora molto bassa, soprattutto per la sede di Varese, ove vi è un forte utilizzo dell’automobile. Si evince che il comfort, le comodità e l’autonomia, assieme agli altri elementi sopra evidenziati, sono fattori rilevanti nella scelta modale nel percorso casa-lavoro-studio. Tuttavia, su tale scelta influiscono sicuramente in modo determinante anche da un lato la disponibilità di spazi di parcheggio gratuiti, dall’altro lato un basso livello di accessibilità del campus (soprattutto in termini di frequenza delle linee di bus urbano), che si trova in localizzazione periferica rispetto al centro ed alle stazioni ferroviarie e degli autobus. Il quadro emerso fornisce indicazioni utili alle autorità locali che sono dunque chiamate a cooperare con gli organi di governo universitari per poter implementare politiche di green commuting, cercando di potenziare il trasporto pubblico e, laddove l’automobile non è del tutto eliminabile, riducendone il numero, tramite la promozione di nuove forme di mobilità condivisa, come il carpooling o il car sharing. Dal campione emerge chiaramente, per una parte di utenza, un buon interesse verso queste forme innovative, che devono essere favorite da un chiaro indirizzo di governo basato su politiche di incentivazione e di semplificazione di utilizzo.

Elena Maggi, Daniele Grechi, Daniele Crotti, Università dell’Insubria

 

Riferimenti bibliografici

Bruntland G. (1987), Report of the World Commission on Environment and Development: Our Common Future, New York: United Nations.

Delmelle E. M., Delmelle E. C. (2012), Exploring spatio-temporal commuting patterns in a university environment. Transport Policy, 21: 1-9.

Fraquelli G., Piacenza M., Abrate G. (2001), Il trasporto pubblico locale in Italia: variabili esplicative dei divari di costo tra le imprese. Economia e Politica Industriale, Milano: Franco Angeli, 51-88.

Grechi D., Maggi E., Crotti D. (2018), Le abitudini del pendolarismo universitario e la propensione al cambiamento. Il caso dell’Università degli Studi dell’Insubria.  RIEDS-Rivista Italiana di Economia, Demografia e Statistica-Italian Review of Economics, Demography and Statistics, Forthcoming.

ISFORT (2018) ,15° Rapporto sulla mobilità degli italiani, a cura di Isfort con il contributo e l’apporto scientifico di ASSTRA, ANAV e AGENS. Link:  http://www.fsnews.it/cms-file/allegati/fsnews2014/2018_11_15_Sintesi_Rapporto_Mobilit%C3%A0_Isfort_2017.pdf (Verificato il 30/11/2018).

Marcucci E. (2011), Scelte di trasporto e modelli a scelta discreta, Franco Angeli: Milano.

Páez A., Whalen K. (2010), Enjoyment of commute: A comparison of different transportation modes. Transportation Research Part A: Policy and Practice, 44, 7: 537-549.

Panter J. R., Jones A. P., Van Sluijs E. M. (2008), Environmental determinants of active travel in youth: a review and framework for future research. International journal of behavioral nutrition and physical activity, 5,1:  34-48.

Redman L., Friman M., Gärling T., Hartig, T. (2013), Quality attributes of public transport that attract car users: A research review. Transport Policy, 25: 119-127.

Shaaban K., Kim I. (2016), The influence of bus service satisfaction on university students’ mode choice. Journal of Advanced Transportation, 50, 6: 935-948.

Whalen K. E., Páez A., Carrasco J. A. (2013), Mode choice of university students commuting to school and the role of active travel. Journal of Transport Geography, 31, 132-142.

Willamowski J., Convertino G., Grasso A. (2014), Leveraging organizations for sustainable commuting: A field study. Toronto: CHI’14 Workshop on “What have we learned? A SIGCHI HCI & Sustainability”.

Zhou J. (2012), Sustainable commute in a car-dominant city: Factors affecting alternative mode choices among university students. Transportation research part A: policy and practice, 46,7: 1013-1029.

 

 

APPENDICE

 

Tabella 2. Modello multinomiale: effetti delle variabili esplicative sulle scelte modali nelle sedi di Varese e Como.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*